I 3 segreti dell’antica saggezza su come trovare la felicità

I 3 segreti dell’antica saggezza su come trovare la felicità

Molti dei consigli su come trovare la felicità che seguiamo oggi non sono affatto nuovi; sono venuti da noi dalle leggi dell’antica saggezza.

La saggezza, che, a quanto pare, avrebbe dovuto diventare a lungo parte della nostra vita, stranamente, non è ancora tale, dal momento che non abbiamo ancora imparato le sue lezioni di base.

In questo articolo, ricorderemo con te tre segreti fondamentali e molto importanti della felicità che devi iniziare a mettere in pratica.

Segreti dell’antica saggezza e come metterli in pratica

1. Controlla solo ciò che puoi, ignora il resto.

Il primo segreto dell’antica saggezza è molto importante, ammetti a te stesso quante volte hai provato a controllare ciò che è al di fuori del tuo controllo?

Se hai problemi o preoccupazioni che ti tengono in costante tensione, chiediti se puoi fare qualcosa.

I seguaci dello stoicismo si sono detti in questo modo: “Posso fare qualcosa per risolvere questo problema? Se posso, allora devo agire; se non posso fare nulla, accetterò questo problema “.

Non possiamo sempre controllare tutto ciò che ci accade, perché ci sono cose che accadono e questo è normale. 

Accettare questo pensiero ci aiuterà a sbarazzarci del pesante fardello, perché a volte ci assumiamo troppe responsabilità e non possiamo farcela.

A volte questo è il risultato di paura, insicurezza o qualsiasi altro problema che ci impedisce di lasciarli andare.

Permettiamoci di seguire con calma il flusso della vita, accettarlo e non oscurarlo con ciò che non possiamo controllare. 

La cosa migliore ti succederà quando imparerai a non avere il controllo su tutto.

2. Impara ad accettare e smetti di negare.

L’accettazione è una delle maggiori difficoltà della nostra vita.

Quando non accettiamo la malattia, una situazione o l’intero periodo della nostra vita, dove non tutto sta andando bene, iniziamo a negare ciò che sta accadendo e a ribellarci.

Ma questa situazione è assurda quanto vedere che sta piovendo e negando o ribellandosi contro di essa. 

Ne stiamo beneficiando? 

Possiamo fare la differenza? 

La risposta inequivocabile a questo è “no” e la nostra unica opzione è accettare ciò che sta accadendo.

Perché neghiamo la realtà? 

A causa delle nostre aspettative e di ciò che ognuno di noi considera buona fortuna e sfortuna.

Tutto ciò porta alla sofferenza e alla futile resistenza. 

Non siamo vittime, il mondo non è contrario a noi. 

A volte succede qualcosa.

Impariamo ad accettare ciò che non possiamo cambiare. 

Altrimenti, secondo gli stoici, spendiamo troppo della nostra preziosa energia.

3. Noi stessi siamo responsabili della nostra vita.

Il terzo segreto dell’antica saggezza è molto importante per sbarazzarsi di spostare la colpa per le nostre vite su altre persone.

Molto spesso diamo la colpa ai nostri genitori per tutte le cose brutte che ci accadono, sebbene noi stessi siamo stati a lungo adulti.

Come diceva Seneca: “Non possiamo scegliere le scelte dei nostri genitori, ma possiamo scegliere che genitori vorremmo essere”.

L’abitudine di guardare indietro e rimpiangere l’accaduto non ci porterà nulla di buono. 

Questa è solo una scusa per la nostra passività, in modo da non agire di fronte alle difficoltà.

Tuttavia, siamo già adulti e abbiamo l’opportunità di intraprendere un percorso diverso, diverso da quello che i nostri genitori hanno delineato. 

Ora siamo noi che siamo responsabili della nostra vita e nessun altro.

Oggi è il giorno in cui puoi iniziare una nuova vita, indebolire il controllo su ciò che non puoi cambiare, accettare la situazione così com’è e infine stare al timone della tua stessa vita.

Il controllo costante, la negazione e l’incolpazione degli altri non faranno altro che renderci infelici.

error: Ora hai finito di rubare