Secondo il buddismo: cosa succede quando moriamo

Secondo il buddismo: cosa succede quando moriamo

Se sei cresciuto in Occidente, probabilmente ti hanno insegnato che quando moriremo, andremo in paradiso o all’inferno.

Il buddismo, tuttavia, offre una visione diversa di ciò che accade dopo la morte.

La visione buddista della morte

Il buddismo dice che quando moriamo, la mente che si è sviluppata e condizionata per questa vita viene ripristinata in un nuovo essere.

Il nuovo individuo svilupperà quindi una nuova personalità che è condizionata da quelle circostanze della vita.

Questo processo di morte e ristabilimento continua fino a quando non si arriva al Nirvana, uno stato di illuminazione che non vuole o brama ma semplicemente vive in pace e con amore.

Come va la mente da un corpo all’altro?

Quando si muore, perderanno il controllo dei loro processi mentali.

Durante questo periodo, le azioni e le abitudini vengono rilasciate nei loro ricordi.

A seconda del karma di questa persona, inizieranno a vedere immagini, che saranno immagini spaventose, immagini di persone care o bellezze paesaggistiche.

Sebbene il corpo fisico sia debole, possono urlare queste visioni.

Quando il corpo si decompone in punto di morte, queste energie vengono rilasciate come energia mentale.

L’energia non può essere distrutta e quindi, questa energia deve essere ripristinata in un nuovo corpo.

È quasi come le onde radio che sono fatte di energia a frequenze diverse, che viaggiano attraverso lo spazio per essere catturate da un ricevitore adatto.

Si rinasce sempre come essere umano?

Secondo il buddismo, ci sono diversi regni diversi in cui si può essere trasportati.

Alcuni possono rinascere come animali, mentre altri umani.

Niente nell’universo è permanente e quindi questo stato di esistenza non può durare per sempre e la rinascita si ripete continuamente.

Cosa decide dove rinasceremo?

Il fattore più importante, secondo i testi buddisti, è il karma.

Il karma è più complesso della semplice raccolta di ciò che semini.

Ci sono 11 leggi del karma che attraversano diversi fattori, come il tuo sforzo, la tua gentilezza verso gli altri e le tue intenzioni.

Pertanto, la persona gentile e amorevole rinascerà in un regno celeste o come essere umano in un ambiente confortevole.

In effetti, potrebbero esserci alcune prove scientifiche a supporto della visione buddista della morte.

Negli ultimi 30 anni, i parapsicologi hanno studiato rapporti secondo cui alcune persone hanno ricordi vividi delle loro vite precedenti.

Il professor Ian Stevenson, del Dipartimento di Psicologia dell’Università della Virginia, ha descritto dozzine di questi casi nei suoi libri.

È uno scienziato accreditato il cui studio su 25 anni di persone che ricordano vite precedenti è una prova molto solida per la rinascita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Ora hai finito di rubare