Se ti viene la pelle d’oca mentre ascolti la musica, hai un cervello molto speciale

Se ti viene la pelle d’oca mentre ascolti la musica, hai un cervello molto speciale

Sai quella sensazione quando la tua pelle formicola dal sentire una certa canzone?

Bene, risulta che ottenere brividi dalla musica ha un significato molto significativo.

Hai mai sentito una certa canzone, o un brano musicale che ti ha fatto formicolare la pelle, o ti ha fatto venire i brividi lungo la schiena o addirittura la pelle d’oca?

Per me è una canzone del pianista italiano Edo Notarloberti.

Ti invitiamo ad ascoltarla mentre leggi l’articolo?

Come a detto Mitchell Colver, attualmente dottorato di ricerca.

Candidato alla Utah State University, recentemente scritto in  The Conversation , quel sentimento si chiama “frisson”

(anche se alcuni scienziati lo hanno chiamato “orgasmi della pelle”).

In parte, può essere spiegato dalla scienza il fenomeno della pelle d’oca:

quando i mammiferi diventano freddi, i muscoli intorno a ciascun follicolo pilifero si contraggono per aiutare i loro peli del corpo a rimanere in piedi, creando uno strato più spesso per trattenere il calore.

Man mano che ci siamo evoluti, abbiamo perso la maggior parte dei peli ma abbiamo mantenuto i resti di questo meccanismo;

i muscoli funzionano ancora allo stesso modo, anche se non ci sono peli per tenerci caldi.

Il “Frisson” è vissuto da circa 2/3 della popolazione mondiale ed “è una sensazione in qualche modo simile ai brividi, ed è tipicamente espresso come una travolgente risposta emotiva”.

Uno  studio , condotto dallo studente di dottorato Matthew Sachs presso l’Università della California del sud, ha rivelato che le persone che soffrono di brividi di musica potrebbero avere differenze strutturali nel loro cervello.

La ricerca ha studiato 20 studenti, che hanno ascoltato da tre a cinque brani musicali.

Dieci degli studenti hanno ammesso di provare brividi, mentre gli altri dieci no.

I ricercatori hanno quindi effettuato scansioni cerebrali di tutti i partecipanti.

“[I dieci che hanno avvertito brividi] hanno un volume maggiore di fibre che collegano la loro corteccia uditiva alle aree associate all’elaborazione emotiva.

Il che significa che le due aree comunicano meglio”, ha detto Matthew a  Neuroscience News .

Questi dieci partecipanti avevano anche una corteccia prefrontale superiore, che è coinvolta in alcune aree di comprensione, come l’interpretazione del significato di una canzone ( Quartz ).

“Le persone che hanno i brividi hanno una maggiore capacità di provare emozioni intense”, ha detto Sachs.

“In questo momento, questo è solo applicato alla musica perché lo studio si è concentrato sulla corteccia uditiva.

Ma potrebbe essere studiato in diversi modi lungo la linea ”, ha sottolineato.

Lo studio ha anche scoperto che le persone che sono aperte all’esperienza

– così come le persone che hanno più formazione musicale –

hanno più probabilità di riferire forti risposte emotive.

“Abbiamo previsto che se una persona fosse immersa in modo più cognitivo in un brano musicale, allora sarebbe più probabile che sperimentasse il brivido a causa della maggiore attenzione agli stimoli”.

I partecipanti hanno anche completato un test della personalità, che Colver e il suo team hanno usato per determinare un fatto interessante:

coloro che hanno sperimentato il brivido possedevano un tratto di personalità chiamato “apertura all’esperienza”.

“Gli studi hanno dimostrato che le persone che possiedono questo tratto hanno un’immaginazione insolitamente attiva.

Apprezzano la bellezza e la natura, cercano nuove esperienze, spesso riflettono profondamente sui loro sentimenti e amano la varietà nella vita”

Inoltre, si è scoperto che non è solo il lato emotivo di questo tratto di personalità che provoca una reazione alla musica, è anche il cognitivo.

Ad esempio, usare la mente per immaginare come verrà riprodotta una canzone o creare immagini mentali durante una canzone.

È anche una combinazione di queste cose ed essere piacevolmente sorpresi quando le nostre aspettative vengono superate.

Per dirla semplicemente: le persone che si immergono completamente nella musica a livello intellettuale

– coloro che fanno molto di più che semplicemente “ascoltarlo”

– hanno maggiori probabilità di provare la sensazione di frustrazione.

Segui Life Live anche su Facebook ????

 

error: Ora hai finito di rubare