Questa bambina di 6 mesi lotta contro il coronavirus: i genitori gridano «Possiamo perderla»

Questa bambina di 6 mesi lotta contro il coronavirus: i genitori gridano «Possiamo perderla»

Erin Bates, sei mesi, nel suo breve periodo di vita ha dovuto affrontare avversità difficili.

È nata con un peso di due chili e mezzo e con una condizione cardiaca che le ha richiesto di sottoporsi a un intervento chirurgico nel dicembre dello scorso anno.

Inoltre, ha presentato complicazioni nella sua trachea, anche se dopo le cure mediche ricoverate in ospedale e a casa è riuscita a riprendersi.

Venerdì scorso, 10 aprile, a Erin è stato diagnosticato il coronavirus.

I suoi genitori hanno voluto diffondere sui social network un’immagine di lei sdraiata in ospedale.

Collegata a una macchina che le fornisce l’ossigeno di cui ha bisogno per sopravvivere, è circondata da apparecchiature e cavi .

Emma Bates, 29 anni, rimane con sua figlia all’ospedale per bambini Alder Hey di Liverpool, in Inghilterra, dove è ammessa la ragazza.

Mentre suo marito Wayne, 32 anni, è a casa sua a Greater, Manchester.

A causa del protocollo di isolamento per i pazienti con coronavirus , la coppia comunica solo attraverso videochiamate.

Emma e Wayne, i genitori di Erin, affermano di avere fiducia nel fatto che la loro figlia sarà in grado di evitarlo.

Mentre sollecitano la popolazione a prendere sul serio il pericolo di COVID-19.

Sono disperati e indignati nel vedere che parte della popolazione del paese non è conforme alle misure di contenimento.

Si aggrappano alla speranza che la loro figlia, che ha superato seri problemi di salute, vincerà anche il coronavirus.

Hanno provato per un decennio a diventare genitori naturalmente, i dottori hanno detto loro che non avrebbero potuto avere figli , ma alla fine è arrivato un miracolo nella loro vita.

Sperano che, diffondendo il loro caso, le persone possano aumentare la consapevolezza della gravità della pandemia .

“La gente non prende ancora sul serio questo focolaio ed è scandaloso”, ha detto Wayne.

In un messaggio pubblicato sui suoi social media Emma ha scritto:

“Sia Wayne che io abbiamo il cuore spezzato ancora una volta perché siamo in una posizione in cui possiamo perdere la nostra bambina se non continuiamo a combattere.

Per favore, per favore, ti preghiamo di mettere Erin nelle tue preghiere.

Non possiamo perderla a causa di questo virus. Ha lottato troppo, abbiamo bisogno di lei. “

Emma ha condiviso che sua figlia aveva subito un intervento chirurgico a cuore aperto per le sue condizioni cardiache congenite.

Aveva avuto un  collasso polmonare, insufficienza renale , RSV, tracheomalacia, broncomalacia e altre complicazioni di salute.

“È difficile credere che la mia bambina possa affrontare così tante cose nella sua breve vita.

Ora è molto difficile da assimilare, mi sembra più che stia vedendo tutto questo come se fosse una terza persona “, ha detto il padre del bambino.

Wayne ha detto che Erin è stata infettata anche in un ambiente controllato e sicuro.

“Se mia figlia muore ora, non mi sarà permesso di avvicinarla , dato che devo rimanere isolata a casa.

Non mi sarà permesso di andare in ospedale “, ha detto il padre.

“Erin sarà la nostra prima e ultima figlia. È davvero un miracolo per noi “, ha aggiunto Wayne.

Condividi l’avvertimento di questi genitori e, per favore, includiamo nelle nostre preghiere questa bambina e tutti coloro che combattono contro il coronavirus.

error: Ora hai finito di rubare