Namasté: un saluto perfetto per questi tempi di coronavirus

Namasté: un saluto perfetto per questi tempi di coronavirus

Una delle alternative per evitare il contatto fisico e il contagio è il tradizionale saluto indiano.

Conosci il suo significato?

Data la crescente diffusione del coronavirus , evitare saluti che coinvolgono il contatto fisico è una delle raccomandazioni generali.

Il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ha suggerito di evitare qualsiasi saluto che comporti una distanza inferiore a un metro.

Grandi personalità e leader mondiali hanno risposto a misure preventive per fermare la diffusione e cercare di aumentare la consapevolezza evitando strette di mano, baci e abbracci.

Tra questi, il principe Carlo scelse un’alternativa di origine indù: un saluto chiamato namaste .

Ai Prince’s Trust e ai TK Maxx Homesense Awards al London Palladium , il principe batté le mani per salutare tutti i presenti.

Namasté iniziò a diffondersi e persino il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, lo adottò come opzione.

IL SIGNIFICATO ANCESTRALE DI NAMASTÉ

La cosa interessante della scelta del namasté come opzione ai tempi del coronavirus è che ha un significato spirituale e filosofico che invita all’unione collettiva e alla pace.

Viene fatto unendo i palmi delle mani aperte al centro del torace, sotto forma di una preghiera, e di solito è accompagnato da una leggera inclinazione verso il basso della testa.

La sua origine remota si trova nella lingua sanscrita, la lingua sacra dell’antica cultura indù.

Etimologicamente, potrebbe essere tradotto come “mi venero a te” , perché namas si riferisce a un saluto o riverenza e si è il pronome personale “tu”.

Pertanto, una delle sue possibili interpretazioni è la seguente:

“Riconosco che in ognuno di noi c’è un luogo di amore e luce, di verità e vera pace.

Onoro quel posto dove dimora l’essenza divina e so che quando sei in quel posto dentro di te, e io sono in quel posto dentro di me, tu ed io siamo uno ”.

Ma la verità è che il namasté ha un significato profondo, che rappresenta la convinzione che vi sia una scintilla divina (o componenti che trascendono il corpo e la mente), all’interno di ciascuno di noi.

Fare questo saluto è il reciproco riconoscimento dell’essenza spirituale che ci unisce all’altra persona e all’intero universo .

Nonostante la sua antichità e l’origine sacra, il namasté viene usato quotidianamente in India.

E in molti paesi asiatici come modo di salutare , separarsi, ringraziare, chiedere qualcosa o mostrare rispetto.

Inoltre, poiché è un solito gesto nelle lezioni di yoga e meditazione, il namasté si è diffuso a tutti.

La posizione delle mani, nel frattempo, aiuta ad armonizzare gli emisferi destro e sinistro del cervello, fornendo così equilibrio, calma, tranquillità e pace interiore.

In tempi di isolamento, paura e paranoia, l’ adozione di questo saluto pur essendo consapevoli del suo significato può aiutarci a mantenere una visione positiva .

NAMASTÈ  ???

Segui Life Live anche su Facebook ?

error: Ora hai finito di rubare