Il mondo degli umani si blocca, gli animali e la natura prosperano.

Il mondo degli umani si blocca, gli animali e la natura prosperano.

Un cervo sika attraversa una strada la scorsa settimana a Nara, in Giappone.

I cervi in ​​libertà sono una parte della vita in questa città, ma con gli umani in stato di blocco, i cervi hanno vagato nelle aree residenziali della città in cerca di cibo.

Gli animali potrebbero non sapere perché gli umani si stiano rendendo così scarsi.


I blocchi che hanno tenuto milioni di persone nelle loro case

– e le misure di allontanamento sociale intese a rallentare la diffusione del nuovo coronavirus –

hanno portato cieli sereni, strade tranquille e spiagge tranquille.

Questi sono tempi difficili per l’umanità.

Ma per molti altri abitanti della Terra, c’è un rivestimento d’argento.

Grazie all’assenza di navi da crociera, i delfini sono tornati in gran numero al porto italiano di Cagliari.

E la presenza di cigni nei canali di Burano – sebbene inizialmente collocati in modo errato nel vero caso di Venezia

– ha suscitato una raffica di attenzione da parte dei social media.

Anche se i cigni sono spesso visti in questa piccola isola nella grande area metropolitana di Venezia.

Gli animali non stanno drammaticamente riprendendosi in assenza degli umani, ma stanno timidamente spingendo i loro confini.

Con i cervi Sika che si presentano fuori dal loro normale habitat nel parco di Nara, in Giappone, o i tacchini selvatici che si presentano in un parco di Oakland, in California.

“Semmai, questi tempi possono servire a ricordare che gli animali hanno sempre vissuto nella nostra zona”.

Ha detto a The Guardian Seth Mangle, che dirige l’Urban Wildlife Institute al Lincoln Park Zoo di Chicago .

“Potremmo non pensare alle nostre città come parte della natura, ma lo sono.”

Indipendentemente da ciò, questo tipo di invasione dell’habitat inversa è confortante.

La natura odia il vuoto

Quando gli umani escono da uno spazio, gli animali entrano come hanno fatto questi cavalli a seguito dell’incidente nucleare di Chernobyl.

Abbiamo già visto questo tipo di rinascita animale, sulla scia di catastrofi molto diverse.

Nel sito dell’ex centrale nucleare di Fukushima Daiichi, dove un crollo del 2011 ha costretto l’evacuazione di migliaia di persone, gli animali come il cinghiale, i macachi e le lepri giapponesi stanno prosperando .

E, più di 30 anni dopo il disastro di Chernobyl, i segnalini Geiger rimproverano ancora furiosamente i persistenti livelli di radiazioni nell’area, ma la fauna selvatica ha fatto un ritorno improbabile.

Non sono tutte buone notizie per gli animali

Mentre cigni e delfini in Italia si stanno sicuramente godendo il ritiro, altri animali che sono venuti a fare affidamento sull’uomo potrebbero davvero sentirci persi.

Come i macachi di Lopburi, in Thailandia.

Trascorrendo le loro giornate in giro per il famoso tempio delle scimmie Phra Prang Sam Yot della città, questi primati si sono abituati fin troppo alle dispense umane.

“Il calo del numero di turisti a causa di COVID-19 potrebbe aver effettivamente causato una carenza di cibo per loro”.

Dice al New York Times Asmita Sengupta, ecologa dell’Ashoka Trust for Research in Ecology and Environment in India .

“Una volta abituati ad essere nutriti dagli umani, si abituano agli umani e mostrano persino l’iper-aggressività se non ricevono cibo”.

D’altra parte, ai cigni di Venezia non importa. Né ai delfini.

E, man mano che un numero maggiore di paesi radica i propri cittadini, gli esperti suggeriscono che gli animali trarranno pieno vantaggio.

“Ho visto cosa è successo a Venezia e abbiamo pensato a cosa significhi anche nel Regno Unito per la fauna selvatica”

Dice a Express Martin Fowlie, media manager della Royal Society for the Protection of Birds .

“Siamo alcune settimane indietro rispetto all’Italia, ma immagino che accadranno alcune cose che avranno un effetto sulla fauna selvatica e sui cambiamenti che vedremo.

“Dalla seconda guerra mondiale, la fauna selvatica del Regno Unito è stata in declino generale, ci sono alcune specie che stanno meglio, ma nel complesso, la maggior parte delle specie ha fatto meno bene”.

Ma il silenzio di città e paesi e campagne, aggiunge, potrebbe non solo favorire gli animali.

Anche gli umani potrebbero presto emergere dalle loro case con una nuova comprensione della loro relazione con il mondo naturale.

Potremmo anche cercare di preservare quel tipo di pace.

Segui Life Live anche su Facebook

error: Ora hai finito di rubare