Come smettere di rendere i tuoi problemi una cosa grandiosa. Di Pema Chödrön

Come smettere di rendere i tuoi problemi una cosa grandiosa. Di Pema Chödrön

La meditazione ci insegna a lasciar andare.

In realtà, è un aspetto molto importante, dal momento che ti alleni ancora e ancora per non rendere le cose così importanti.

Quando hai dolore nel tuo corpo, quando tutti i tipi di pensieri attraversano la tua mente, ti alleni ancora e ancora per riconoscerli apertamente, ma senza renderli così importanti.

In generale, la specie umana rende le cose molto importanti.

I nostri problemi sono un grosso problema per noi. Pertanto, dobbiamo lasciare spazio all’atteggiamento di onorare completamente le cose e allo stesso tempo non renderle un grosso problema.

È un’idea paradossale, ma mantenere questi due atteggiamenti allo stesso tempo è la fonte di un’enorme gioia: abbiamo un senso di rispetto per tutte le cose, insieme alla capacità di lasciar andare.
Quindi, si tratta di non sminuire le cose, ma d’altra parte non accendere il fuoco fino a quando non si ha la propria terza guerra mondiale privata.

Mantenere queste idee in equilibrio ci permette di sentirci meno affollati e claustrofobici. In termini buddisti, lo spazio che si apre qui è noto come shunyata, o “vuoto”.

Ma non c’è nulla di nichilista in questo vuoto. È fondamentalmente una sensazione di leggerezza.
C’è un film intitolato “L’insostenibile leggerezza dell’essere”, ma preferisco vedere la vita dal punto di vista della sopportabile leggerezza dell’essere.

Quando inizi a vedere la vita dal punto di vista che tutto sorge spontaneamente e che le cose non “attaccano” o “tentano di attaccarti” in un dato momento, probabilmente hai più spazio per rilassarti.

Il tuo stomaco, che ha un nodo, può semplicemente rilassarsi. La parte posteriore del collo, che è tesa, può semplicemente rilassarsi.
La tua mente, che gira e gira come uno di quegli orsetti a cui dai la corda per camminare sul pavimento, può semplicemente rilassarsi.
Quindi, Hunyata si riferisce al fatto che in realtà abbiamo un seme di spazio, di freschezza, apertura, rilassamento, in noi.

A volte le persone sperimentano questa apertura come noia. A volte è vissuto come immobilità.
A volte, viene percepito come un vuoto nel tuo pensiero, nella tua preoccupazione e nel tuo intrappolamento totale. Sperimento molto con lo shunyata.
Quando sono solo e nessuno mi parla, quando esco a fare una passeggiata, guardo fuori dalla finestra o medito, provo a lasciar andare i pensieri e vedo cosa c’è quando escono.
Questa è davvero l’essenza della pratica della consapevolezza.
Continui a tornare all’immediatezza della tua esperienza e poi, quando iniziano a sorgere pensieri, pensieri come, cattivo, buono, non dovrei, io, idiota, tu, lasciare che quei pensieri vadano e ritornino all’immediatezza della tua esperienza.
È così che possiamo sperimentare lo shunyata, come possiamo sperimentare la dimensione aperta e illimitata dell’essere.
error: Ora hai finito di rubare