7 chiavi buddiste per affrontare momenti difficili

7 chiavi buddiste per affrontare momenti difficili

USIAMO LA PUBBLICITÀ per sostenere i costi di produzione e mantenimento dei nostri siti web, sappiamo che potrebbe dare fastidio alla lettura, ma è essenziale per proseguire sempre con AMORE il lavoro di condivisione con tutti voi utenti.

VUOI LEGGERE I NOSTRI ARTICOLI IN TRANQUILLITÀ SENZA PUBBLICITÀ INVASIVE? SOSTIENICI.

🙌 ELIMINA LA PUBBLICITÀ!! CON SOLO €0,99/MESE

ELIMINA LE PUBBLICITÀ €0,99 /mese

I buddisti sottolineano che per affrontare i momenti difficili, è meglio non combattere contro la corrente.

Ma diventare flessibili ed essere intelligenti in modo che la soluzione stessa nasca dall’adattamento e dall’ottimizzazione delle nostre risorse.
 
Per affrontare i momenti difficili è necessario qualcosa di più della buona volontà / attitudine; Tuttavia, questo può aiutare molto se necessario.
 
La vita stessa non segue una sceneggiatura facile da interpretare.
 
La contraddizione, la mancanza, i desideri insoddisfatti sono elementi del paesaggio quotidiano.
 
Una caratteristica della nevrosi è pensare che uno abbia problemi, ma gli altri no.
 
I buddisti hanno un modo diverso di vedere i problemi. A differenza degli occidentali, non insistono nel negarli o nel cercare di uscirne al più presto.
 
Il loro atteggiamento è più adattivo ed è per questo che hanno chiavi importanti per affrontare momenti difficili.
 
Ci sono situazioni e situazioni.
 
Una cosa è avere a che fare con un cellulare che non funziona e un’altra con un divorzio o la morte di una persona cara.
 
Tuttavia, i buddisti ci insegnano che entrambe le situazioni sono un’opportunità per sviluppare abilità indispensabili, quelle che ci aiutano ad affrontare difficoltà in un secondo momento.
 
Questo è ciò che raccomandano.
 
” L’arte di superare grandi difficoltà viene studiata e acquisita con l’usanza di affrontare quelle piccole “. -Cristina Trivulzio di Belgioioso-
 

1. Non combattere la corrente

 
Non farlo, specialmente se la corrente è forte. Un modo intelligente per affrontare i momenti difficili non è di opporli.
 
Quando ci sono circostanze avverse, la tentazione di spendere troppa energia nel tentativo di evitare l’inevitabile è grande.
 
Accettare è uno dei grandi passi per risolvere un problema, il primo a riconoscerne i limiti.
 
Ammetti che le cose sono come sono, anche se contraddicono i nostri desideri.
 
Tale accettazione ci risparmia sforzi inutili e ci mette in una prospettiva più realistica e positiva .
 

2. Guardati dentro, un principio per affrontare momenti difficili

 
È facile essere tentati di spiegare situazioni complicate basate su fattori esterni.
 
È vero che molti fattori influenzano fattori al di fuori del nostro controllo.
 
Tuttavia, siamo noi e solo noi a scegliere il modo in cui risponderemo.
 
In ogni situazione, per quanto difficile, c’è sempre qualcosa che possiamo fare, in particolare nel nostro mondo interiore.
 
Prima di sembrare colpevoli o accusare la fortuna di voltare le spalle, proviamo a rispondere alla domanda
 
su come aprire uno spazio nel nostro interno a quelle esperienze difficili in modo che non ci contaminino.
 

3. Qualsiasi errore o privazione comporta l’apprendimento

 
Per essere in grado di affrontare momenti difficili, proviamo a smettere di vederli come qualcosa di indesiderabile, che merita di essere sradicato il più presto possibile.
 
Al contrario. Molte volte, estrema facilità o comfort estremo non fanno altro che gonfiarsi .
 
Una situazione difficile è sempre un’opportunità per imparare . O da noi stessi o della realtà esterna.
 
Il dolore rivela nuove sfaccettature della vita, del nostro interno o di coloro che ci circondano.
 
È importante valutare questo.
 

4. Quello che succede deve succedere

 
Ogni cosa che succede è il risultato di molteplici fattori che sono stati coniugati per farlo accadere.
 
Proprio come nessun grande trionfo arriva senza ragioni, né una difficoltà né una perdita sorgono perché sì.
 
Il mondo funziona come dovrebbe funzionare.
 
Ora è una sintesi di ieri. Ogni fatto e ogni essere umano è il frutto di tutto ciò che lo precede.
 
Pertanto, ciò che accade deve accadere, né meglio né peggio, solo ciò che dovrebbe essere.
 
Se siamo in grado di visualizzare i fatti da quella prospettiva, possiamo accettarli e integrarli meglio nella nostra storia personale.
 

5. È adesso, non più tardi

 
Le situazioni difficili sono di per sé una chiamata al cambiamento.
 
C’è un errore, o una prospettiva sbagliata, o qualche azione che ha provocato una situazione che riteniamo problematica.
 
Pertanto, è più appropriato dare origine a cambiamenti dentro di noi, qui e ora.
 
Non è consigliabile attendere che la tempesta prenda le misure necessarie.
 
È in piena tempesta quando dobbiamo mobilitare le nostre risorse per farcela.
 

6. Cerca il percorso delle risate

 
Il miglior antidoto contro la disperazione e il pessimismo sono le risate.
 
Questo diventa molto più prezioso in quei momenti in cui tutte le porte sembrano chiuse, o i problemi sembrano sopraffare la nostra capacità di assumerli.
 
In tali situazioni, le risate equivalgono a una benedizione.
 
È probabile che ciò non si verifichi spontaneamente e, pertanto, debba essere cercato.
 
Quali situazioni ti portano a sorridere? Queste sono le situazioni in cui devi andare.

7. Non consentire la vittimizzazione

 
La vittimizzazione dà un certo divertimento a coloro che la usano. Genera benefici, ma questi sono falsi.
 
Significa rinunciare all’aspirazione ad assumere il controllo totale, a cercare di attuare strategie di coping efficaci con le risorse che abbiamo.
 
Vittimizzare te prolunga solo le difficoltà e riduce la tua autonomia .
 
A lungo termine, non risolve nulla, ma contribuisce invece alla tua riflessione.
 
Non è un’opzione ragionevole, poiché a lungo termine ti porterà solo sempre più limiti.
 
Il più importante di questi consigli buddisti per affrontare le difficoltà è che costituiscono criteri salutari per favorire la pazienza, rafforzare il potere che abbiamo su di noi e tollerare i momenti difficili , tirando fuori il meglio da essi
 
error: Ora hai finito di rubare